Test scientifico su van Wely

15 Giu

Alla faccia della ‘privacy’, ora perfino le proprie emozioni possono comparire sul grande schermo! Vabbé, comunque van Wely ha dato il consenso…

A parte gli scherzi, oggi, 15 giugno 2010, nel corso del Campionato Olandese Assoluto si terrà un interessante esperimento: Loek van Wely ha dato la propria disponibilità a farsi monitorare nel corso della partita, in modo tale da fornire indicazioni sul grado di stress durante una partita a scacchi. L’iniziativa parte dalla collaborazione tra la Federazione Scacchistica Olandese e l’Holst Centre di Eindhoven, un centro di ricerca di altissimo livello, intitolato a Gilles Holst, pioniere della Ricerca e dello Sviluppo e primo direttore della “Philips Research“. L’Holst Centre ha sede proprio in quel “High Tech Campus” che quest’anno ospita il Campionato Olandese.

Dunque a partire dalle 13.30, nel corso del quinto turno del Campionato, Loek van Wely si siederà alla scacchiera dopo aver indossato una fascia toracica che misurerà il suo ritmo cardiaco e respiratorio; altri sensori saranno posizionati al polso e avranno il compito di registrare il comportamento delle terminazioni nervose sottocutanee. I dati verranno trasmessi “wireless” a un computer che li rielaborerà. Gli spettatori in sala da gioco e via web potranno visualizzare sullo schermo le reazioni di van Wely allo stress di una partita di scacchi. Naturalmente la finalità non è soddisfare la curiosità degli spettatori (o perlomeno non solo quella…) ma ottenere esperienze che possano essere utili per ulteriori ricerche sulla misurazione delle emozioni in campo medico.

Annunci

4 Risposte to “Test scientifico su van Wely”

  1. bladerunner 15 giugno 2010 a 13:53 #

    Le emozioni di van Wely in diretta:

    http://www.livestream.com/emotionmonitoring

    • bladerunner 15 giugno 2010 a 17:10 #

      La Bok-van Wely è terminata patta, concluso quindi anche l’esperimento. Vedremo che considerazioni ne hanno tratto gli esperti.

  2. bladerunner 15 giugno 2010 a 21:43 #

    Parole di fuoco di van Wely sul suo giovane oppositore nella partita di oggi: “Ha cercato la patta fin dalle prime mosse, che spreco di tempo, ero furioso”. Tutto registrato dai tecnici dell’Holst Centre che hanno percepito dai dati trasmessi dai sensori “violente emozioni” in van Wely. La stranezza della partita sta nel fatto che la posizione è stata ripetuta ben più delle tre volte regolamentari: dalla 13^ alla 37^ mossa! Le motivazioni son discordanti: van Wely afferma che Bok non ha proposto patta, Benjamin dice che l’ha proposta due volte ma Loek ha rifiutato…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...